Personalizzare l’avvio di Ubuntu con Plymouth

Come già vi avevamo anticipato nel 2008 il nuovo sistema per l’avvio del sistema sarebbe presto diventato Plymouth, un applicativo che serve a sfruttare la scheda video in Kernel Mode tramite i KMS, rendendo più fluido e più rapido l’avvio. In pratica in questa fase il server X sfrutta i driver della scheda video.

Ubuntu Plymouth like Mandriva 2010

Continua a leggere

Correggere il colore blu dei video su VLC e simili

Se siete tra quei pochi che appena aprono un video tutto prende uno strano colore blu, niente paura. Adesso la soluzione a tutti i vostri mali e la cancellazione dell’effetto puffo è a portata di mano. Basta semplicemente andare sulle preferenze del pannello di controllo del vostro driver catalyst della scheda video (NVIDIA o ATI per esempio) e cercare tra i parametri video la parola hue (colore) dovrebbe esserci una barra che vi permetterà di sistemare la colorazione nei video. Qui trovate anche il thread sul forum di VLC che entra nel dettaglio.

Hue_Video_Correction_Blu

Video Flash su Ubuntu 10.04 x86_64 con nspluginwrapper

Sto provando la nuova Ubuntu Lucid Lynx 10.04, versione LTS, a 64 bit. Devo dire che per la mia configurazione non è niente male. Risulta essere alquanto stabile e veloce e si trovano tutti i programmi che servono, essendo basata sui pacchetti deb ed essendo per l’appunto Ubuntu. Nell’ultimo periodo per il mio quadcore avevo utilizzato Fedora 11 e volevo fare il salto direttamente a Fedora 13 Goddard, ma ho dovuto tornare sui miei passi visto che questa versione non risultava affatto stabile sulla mia configurazione attuale.

Ubuntu_Lucid_Flash_64bit

Tutto su Ubuntu sembrava andare bene, tranne che per quanto riguardava Adobe Flash player 10, distribuito da Ubuntu in versione 32 bit con nspluginwrapper. Questo player non sembrava andare d’accordo con Firefox e così ho deciso bene di capirci qualcosa. Sul forum di Ubuntu ho trovato qualcuno che lamentava dei problemi simili ai miei, cioé i controlli dei video (play, pause, ecc.) e dei componenti Flash sembravano non andare neanche morti.

La soluzione consisterebbe nell’introduzione della seguente stringa nella penultima riga del file /usr/lib/nspluginwrapper/i386/linux/npviewer:

export GDK_NATIVE_WINDOWS=1

Tutto così sembra riuscire a funzionare anche su Firefox. Provate e fatemi sapere se questo piccolo trick sortisce gli effetti sperati. Finora a me funziona. 😉

Continua a leggere

Installare Skype su Fedora dai repositories

Skype non si trova sui repositories ufficiali di Fedora. Per installarlo automaticamente basta seguire queste semplici operazioni. Prima di tutto inserire le chiavi GPG dei pacchetti:
gpg --keyserver pgp.mit.edu --recv-keys 0xD66B746E
gpg -a -o /etc/pki/rpm-gpg/RPM-GPG-KEY-skype --export 0xD66B746E

Fedora Skype

Una volta importata la chiava GPG creiamo il file di configurazione del repository per yum /etc/yum.repos.d/skype.repo:

[skype]
name=Skype Repository
baseurl=http://download.skype.com/linux/repos/fedora/updates/i586/
#gpgkey=http://www.skype.com/products/skype/linux/rpm-public-key.asc
gpgkey=file:///etc/pki/rpm-gpg/RPM-GPG-KEY-skype
enabled=1
gpgcheck=1

Per la prima installazione basterà dare i seguenti comandi:

yum check-update
yum install skype --nogpgcheck

Fonte: http://fedorasolved.org/multimedia-solutions/installing-skype

Configurare manualmente una connessione wireless

Vediamo come configurare manualmente la nostra distribuzione Linux affinché essa possa connettersi automaticamente ad una rete infrastrutturale o Ad-Hoc richiamando le configurazioni impostate nel file /etc/network/interfaces.

Il file /etc/network/interfaces

Le distribuzioni GNU/Linux (solitamente) memorizzano le impostazioni relative alle schede di rete in alcuni file di testo che vengono letti ad ogni avvio per l’utilizzo delle configurazioni in essi contenute. Questo file è /etc/network/interfaces, vediamo in breve di cosa si tratta.

In realtà non sarebbe necessario memorizzare le configurazioni delle schede di rete in questo file. Infatti, con le giuste opzioni e varie sintassi, tramite i comandi ifconfig [1] e route [2] possiamo configurare la nostra scheda di rete. Certo che doverlo fare ad ogni avvio del sistema diventa noioso, per questo memorizzare tutto all’interno di un file di testo e’ cosi’ utile.

In questo modo per attivare/disattivare la scheda di rete ethN (dove N e’ un numero, la prima scheda di rete e’ eth0, poi eth1 e così via) basterà dare il seguente comando:
# ifup eth0
# ifdown eth0

le varie configurazioni, parametri, ecc. verranno presi automaticamente dal file /etc/network/interfaces.

Network Interfaces on LINUX

Continua a leggere

GoogleDNS contro OpenDNS

Solitamente quando si parlava di DNS alternativi il discorso ricadeva quasi sempre sul servizio OpenDNS che da qualche tempo allieta la navigazione di moltissimi utenti, in questi giorni però ha fatto capolino sul panorana DNS il colosso del web; stiamo parlando del servizio GoogleDNS che con i suoi due indirizzi 8.8.8.8 e 8.8.4.4 promette di fornire un servizio di prima qualità. La cosa bella è che questi indirizzi risultano essere facilmente memorizzabili. Sono quattro volte 8 e “otto diviso due”. Con questa tecnica non è difficile potersi appoggiare a DNS pubblici ovunque ci si trovi, anche qualora non si abbia un modo per risolvere gli indirizzi Internet e si voglia far funzionare una connessione. Succede più spesso di quanto si possa immaginare.

Richiesta per la risoluzione di un indirizzo DNS

Continua a leggere

Noi siamo Linux

Siamo noi a fare Linux. La collaborazione e l’espansione virale producono un sistema unico e molteplice al tempo stesso. Ogni utente ha la massima libertà e può capire fino in fondo cosa accade nel suo computer personalizzandolo a piacimento e adattandolo all’architettura hardware che possiede. Questo è Linux ed è bellissimo.

[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=-1_ksOloDbg]

Pagina successiva →