APT o non APT

Scrivo questo post prendendo spunto dalla discussione spontanea nata come una sorta di guerra di religione apparsa qui. Molti ce l’hanno per così dire a morte con le distro Debian basate su dpkg e APT e io sono convinto che tutto ciò nasca dal fatto che ormai la maggioranza di utenti Linux e conseguentemente di blogger declina in maniera più o meno costante il mantra di apt-get. Vediamo di capire che cosa sia questo APT e come sia nato.

In principio esistevano i .tar.gz. Gli utenti dovevano compilare ogni programma che volevano usare sui loro sistemi GNU/Linux. Quando fu creata Debian, fu ritenuto necessario che il sistema incorporasse un metodo di gestione dei pacchetti installati sulla macchina. A questo sistema fu dato il nome dpkg. Fu così che nacque il famoso “pacchetto” nel mondo GNU/Linux, poco prima che Red Hat decidesse di creare il proprio “rpm”.

Rapidamente un nuovo dilemma si fece strada nelle menti degli sviluppatori di GNU/Linux. A loro serviva un modo rapido, pratico ed efficiente per installare i programmi, che gestisse automaticamente le dipendenze e che avesse cura di mantenere i file di configurazione esistenti mentre si effettuavano i vari aggiornamenti. Ancora una volta Debian ha aperto la strada dando vita a APT (Advanced Packaging Tool), che poi è stato adattato da Conectiva per usarlo insieme a rpm e in seguito è stato adottato anche da altre distribuzioni.

APT-HOWTO ch 1,it

Linux può essere infettato da un virus

Bisogna sfatare la falsa credenza che Linux non possa essere infettato in alcun modo da un qualsiasi virus. Questo non è vero. Un sistema operativo *NIX ha diversi muri di protezione che lo salvaguardano ma c’è sempre l’eventualità di un virus tramite la Privilege escalation oppure tramite connessione SSH.

Bisogna dire anche che esistono trojan e spyware in agguato e non è bene rimanere sicuri della bontà del proprio sistema Linux e pararsi dietro un mito di falsa sicurezza. Non esiste alcun sistema operativo al riparo da attacchi di persone che vogliono rubarci informazioni, soldi o semplicemente fare danno. C’è e ci sarà sempre qualcuno che ha come unico obiettivo annientare il nostro sistema per il puro piacere di farlo o per provare al mondo di essere in grado di violare tutte i sistemi di sicurezza.

Nel 2005 i virus per Linux sono raddoppiati passando da 422 a 863 e non è tutto: Linux non ha la stessa distribuzione di mercato di Windows e ciò, purtroppo è assolutamente innegabile; Windows detiene il ~90.66% e Linux ~0.93% degli utenti.

Continua a leggere

Installare una distro da penna USB

Questa breve guida vi spiegherà come installare la vostra immagine ISO contenente una distribuzione Linux senza dover masterizzare un CD ma semplicemente utilizzando una normale pennina USB.

Prima di tutto avrete bisogno di una USB stick che riesca a contenere l’immagine, che però non andrà copiata direttamente, e di un BIOS che sia predisposto per il boot da dispositivi rimovibili (per l’appunto la nostra penna USB). Una volta scaricata l’immagine ISO della nostra distribuzione installiamo syslinux ed mtools:
apt-get install syslinux mtools

Continua a leggere

Installare GIMP 2.6 su Debian e Ubuntu

Ecco una semplice guida su come installare la nuova versione di GIMP (2.6.2)sulle vostre distro APT.

Per Ubuntu la soluzione è facile e indolore: basta andare su getdeb.net, scaricare i pacchetti .deb che ci interessano in una cartella e dare un semplice:

$ sudo dpkg -i *.deb

Continua a leggere

Verificare le dipendenze di un pacchetto .deb

Per verificare le dipendenze di un qualsiasi pacchetto debian (*.deb) vi è un apposito comando: apt-rdepends. Se già non lo avete installato installatelo al volo con:
# apt-get install apt-rdepends
Se volete imparare ad usarlo basta un

$ man apt-rdepends

Continua a leggere

Mantenere sotto controllo la temperatura con Gnome

Se volete tenere sotto controllo la temperatura della CPU con Gnome non c’è nulla di più semplice di Computertemp. Una piccola applet da piazzare nella barra delle applicazioni che servirà per monitorare la temperatura sia sotto l’aspetto grafico che sotto quello testuale.

Con Ubuntu si installa con:
$ sudo apt-get install computertemp