Evidenziare i commenti di un autore su WordPress

Con WordPress 2.8 evidenziare i commenti degli autori o  degli amministratori di un blog è semplicissimo e non serve assolutamente scrivere una sola riga di PHP o installare alcun plugin; basta solo modificare lo style.css del tema in uso come segue:

li.bypostauthor {
    /* Stile CSS dell'autore */
}
 
li.byuser {
    /* Stile CSS degli utenti */
}
 
li.comment-author-admin {
   /* Stile CSS dell'amministratore */
}

Wordpress

Se andate a vedere il codice di un commento di un amministratore che ha commentato un suo post verificherete che WordPress stesso aggiunge le classi: byuser, comment-author-admin, bypostauthor.

Catalogo di temi per WordPress gratuiti [638+]

Girando per la Rete ho notato una moda che sta pian piano dilagando: molti blogger scrivono dei post con liste di programmi, risorse e informazioni utili per i loro visitatori. Ecco che allora ho pensato di seguire anch’io questa “moda” e offrirvi un catalogo dei migliori articoli che linkano a temi per WordPress gratuiti. Penso che non sia una cattiva idea dare qualche suggerimento per trovare dei temi già pronti e iniziare con estrema facilità a scrivere in un proprio blog senza appoggiarsi a hosting dedicati come WordPress.com, blogpost et similia.

Logo di WordPress (Halo)

Continua a leggere

I blogger che mi leggono

Un’idea carina e simpatica che ho visto su Linux for Dummies, che ringrazio, per vedere quanti altri bloggers finiscono su sky.netsons.

Chi vuole, poi, può promuovere l’iniziativa sul proprio blog in modo da diffonderla, in questo modo:

E’ facile… Si crea un nuovo post o una pagina dal titolo: I Blogger che mi Leggono.
E ci si scrive: ragazzi sto facendo una lista di tutti i blogger leggono spesso e volentieri il blog o i feed. Quando arrivano le segnalazioni si aggiorna il post con la lista.
Poi nel menù del vostro blog promuovete l’iniziativa con un link: Leggi chi mi Legge, o un’immagine > Sei un Blogger? > Dimmelo!

Continua a leggere

Internet Trends 2008

Morgan Stanley ha pubblicato recentemente una ricerca sulle tendenze di mercato nel settore degli investimenti online analizzando il mercato Internet. Le più importanti tendenze di mercato riferibili al 2007 sono riconducibili a 9 ambiti:

  • Usage Patterns: sono diminuite le differenze tra il traffico consumer e quello business. Come noto i professionisti hanno da sempre condizioni migliori di connessione e finora hanno sempre rappresentato la maggior parte del traffico internet. L’introduzione delle connessioni DSL e l’abbassamento dei prezzi dei contratti di abbonamento flat hanno contribuito all’aumento della quota di traffico consumer. Questo dato di crescita fa prevedere agli analisti della Morgan Stanley il sorpasso della quota di scambio dati su internet a favore dei consumer già nel 2009. Anche dal punto di vista dello sviluppo del software non professionale si è assistito ad un’inversione di tendenza che ha portato in breve tempo ad un aumento della sicurezza, robustezza e velocità del software stesso (oltre alla semplificazione dovuta proprio alle caratteristiche del settore consumer).
  • Social Networking: in due anni si è osservato come i social network si siano affermati con forza rispetto agli altri servizi internet. Nella lista dei siti più visitati (secondo Alexa) entrano YouTube, Facebook e Orkut, rispettivamente al secondo, al sesto posto e decimo posto, mentre Myspace risale dal settimo al quinto posto. I due competitori principali di questa partita internazionale sono, come prevedibile, Google e Microsoft. Se la prima ha acquisito YouTube e Orkut, la seconda si è aggiudicata Facebook e punta verso Yahoo!, in declino costante proprio per gli attacchi sferrati dal più famoso motore di ricerca. Nello studio effettuato si è cercato di capire come mai facebook sia salita così velocemente rispetto a Myspace, di proprietà del magnate dell’informazione Rupert Murdoch. Secondo il report la crescita di Facebook si spiega grazie alla pubblicità meno invadente, ad una migliore organizzazione dei profili utenti e dei loro contatti, alla possibilità di personalizzare la piattaforma pubblicitaria e all’accessibilità attraverso i dispositivi mobili. Inoltre è risultato che i social network sono preferiti dai giovani tra i 16 e i 24 anni, mentre chi ha più di 44 anni continua ad usare prevalentemente l’e-mail per mantenere i propri contatti.
  • Bisogna anche specificare che la crescita esponenziale dei social network ingenera un circuito vizioso che porta in breve tempo alla diffusione dei propri dati personali su tutta la rete, causa del crescente sospetto da parte degli utenti dell’essere spiati (si veda l’articolo de La Stampa sull’argomento).

  • Widget-ization + Component-ization: con l’aggiunta di qualche riga di codice Javascript si può personalizzare il proprio sito, blog, servizio internet o homepage (vedi iGoogle o Netvibes) in pochi istanti aggiungendo una miriade di funzionalità.
  • Recessione: molti fattori (dalla crisi dei subprime negli Stati Uniti all’aumento del costo degli alimentari) hanno portato alla recessione (le stime di crescita del PIL per il 2008 sono scese all’1.1%). Gli analisti si attendono che la recessione metterà a dura prova Continua a leggere

Pubblicizza Ubuntu sul tuo blog

Ubuntu stickerSe ti piace Ubuntu e hai un blog pubblicizza questa distribuzione Linux con un semplice adesivo per blog.
Blogsticker ti consente di inserire agli angoli del tuo blog o del tuo sito degli adesivi che cambiano ad ogni refresh.

Di questo simpatico widget ne avevo già parlato qui e adesso mi sono deciso a fare un piccolo sticker (sì proprio quello di Ubuntu) ed eccolo qui.
Basta un piccolo sforzo e un pò di pubblicità per dare risalto ad un’idea. Facciamo pubblicità anche noi nel nostro piccolo.

uploaded_image

Cosa sono RSS ed Atom?

Ho trovato una presentazione di Simone Carletti su http://www.slideshare.net/ e ho colto l’occasione per discutere qui dei Feed RSS e di come questi possano semplificarci la vita durante le nostre ore passate a fare i surfisti del web.

Ormai i blogs e i siti di notizie sono milioni e magari noi arriviamo ad averne dozzine che ci interessano e che vorremmo sempre tenere sott’occhio. Come fare? La presentazione chiarirà meglio ciò che intendo dire.

Continua a leggere